Conosciamoci Meglio! Alfonso Damiani

Torna l’appuntamento settimanale con la rubrica che ci permette di girare per il nostro Club, alla ricerca di qualche curiosità e qualche particolare in più sui cuori e sui muscoli che fanno della Ldm Colleferro Rugby una grande famiglia, questo Venerdì abbiamo Alfonso Damiani, affermato pack leader che ha militato per molti anni in Eccellenza, decretato per più stagioni tra i migliori 10 del massimo Campionato, dopo tante avances siamo riusciti finalmente a portarlo a Colle!!

M: Ciao Arfio, o Foffo? Quanti soprannomi hai?? Grazie per la tua disponibilità, direi di cominciare..Dopo tanto peregrinare sei arrivato a Colleferro, prima esperienza ma per forza di cose è un Club che un pò ti è sempre appartenuto, prime impressioni?

A: Ciao Mattè..bella domanda…Sono felicissimo di giocare a Colleferro insieme a molti ragazzi che conoscevo già da prima, alcuni anche miei allievi qualche anno fa.Sicuramente la nostra è una bella piazza, club storico conosciuto pressochè in tutta Italia,stiamo vivendo un periodo di transizione per via del cambio generazionale, ma ce la stiamo mettendo tutta per gettare le basi per un futuro solido e pieno di soddisfazioni.

M: Riguardo il cambio di categoria, le tue motivazioni, come le vivi? Hai le stesse motivazioni di sempre o ne hai trovate di nuove?

A:Sono sempre motivato, e quando non lo sarò più smetterò di giocare, questo è uno sport durissimo e se non sei motivato è meglio restare acasa..sotto le coperte 🙂

M: Come darti torto Arfio..Il tuo lavoro e il tuo sport, come li vedi insieme?

A:Io insegno ginnastica nella scuola secondaria di secondo grado, in più alleno la U14 della Ldm Colleferro Rugby 1965, quindi il mio lavoro rientra in pieno nella sfera sportiva e ciò mi soddisfa molto e mi piace da morire, ma la sera arrivo distrutto 🙂

M:Domanda di rito…Altre passioni?

A: Il pugilato,passione travolgente, che mi perseguita da qualche anno, anch’esso sport durissimo, soprattutto sotto il profilo mentale, ti fa crescere molto come uomo.

M: Hai una splendida famiglia, Clara tua moglie e il piccolo Mattia Duccio, come possiamo secondo te conciliare il rugby con la famiglia?

A:Cercando di stare insieme al campo, anche dopo la partita  al 3 tempo.Sono fortunato, mi supportano e seguono ovunque!

M: Tenero che sei..non se direbbe.. ahah! Senti, quale è stato il giocatore più forte con il quale hai giocato insieme e quale quello che hai avuto come avversario?

A: Il più forte tra i compagni, senza dubbio, Lance Persico, fratello minore dell’ex azzurro Aaron. Un vero N7 alla McCaw,a mio parere avrebbe potuto giocare anche con gli All Blacks, un fuori serie! l’avversario più forte, del quale purtroppo non ricordo il nome,fu l’estremo dei London Welsh, che nella gara di andata di Coppa Europa non fu schierato contro di noi, sottovalutandoci, e perdemmo fuori casa a Londra 32 a 31, per pochissimo! Nella gara di ritorno a Roma, fu schierato titolare per tutta la gara, perdemmo 5 a 64 e solo lui ci fece 7 mete! Roba da pazzi!

M: Solo 4/5 domande non bastano a farti raccontare tutte quelle che hai passato sui vari campi d’Italia e d’Europa, dobbiamo inventarci una seconda parte 🙂 Intanto, hai qualcosa da dire ai tuoi compagni di squadra, magari un incoraggiamento..una riflessione?

A: Si Mattè..per la seconda parte quando vuoi, Quando diamo il 110% siamo performanti con tutti, dobbiamo solo crederci tutti e stare sempre col motore su di giri,solo cosi possiamo toglierci qualche soddisfazione!!

M: A quanto pare ti trovi in linea con gli altri intervistati, su quello che ci manca per fare il salto di qualità….come di consueto, ti chiedo chi vuoi che sia il prossimo a cadere sotto i miei colpi..

A: Vediamo..è dura.. ma credo che nominerò, Trave…Roberto Benedetti, il Presidente 🙂

M: Grazie Alfonso, ci vediamo in campo, spero presto!

Stay awake..you could be the next!

2,047 Visite totali, 1 visite odierne

SPONSOR
All Rights Reserved. | by logo Elav Web | Independent Agency